Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Le principali patologie che colpiscono l’articolazione del ginocchio

Riproduci video

Il ginocchio è la più grande e complessa articolazione del corpo, ha l’importante compito di dare mobilità e stabilità al corpo e questo è possibile grazie alla sua complessa anatomia (L’articolazione del ginocchio).

Purtroppo è una delle articolazioni più soggette a patologie e disfunzioni di vario genere, analizziamo le più comuni:

La gonalgia

Il dolore al ginocchio o gonalgia è molto frequente e può derivare da affaticamento, traumi o patologie che colpiscono questa articolazione. Può presentarsi in pazienti di tutte le età e nella maggior parte dei casi è un disturbo transitorio che si risolve da solo o con semplici cure palliative ed il risposo.

Quando invece diventa persistente, acuto e si accompagna a gonfiore o arrossamenti, può essere sintomo di una patologia o di una lesione seria che richiedono il consulto di uno specialista del ginocchio.

I sintomi del dolore al ginocchio sono numerosi e di diversa natura proprio perché le cause della gonalgia sono molte e possono differire significativamente l’una dall’altra (traumi, sforzi, affaticamento, patologie), ecco i più comuni:

  • rigidità e difficoltà ad estendere e flettere la gamba
  • gonfiore
  • arrossamento e lividi 
  • debolezza e difficoltà a sostenere il peso corporeo 
  • scricchiolii quando l’articolazione è in movimento
  • deformità a causa di un grave trauma

Gonalgia in seguito a traumi

In seguito ad un trauma possono verificarsi generalmente due situazioni:

  • Lesioni meniscali: le lesioni ai menischi sono molto frequenti, soprattutto quelle a carico del menisco mediale e caratterizzano soprattutto gli individui di sesso maschile in età adulta. Invece, le lesioni al menisco laterale insorgono di solito per una malformazione congenita (menisco discoide) o in associazione ad altre lesioni articolari come le lesioni del crociato anteriore;
  • Lesioni ai legamenti: sono meno frequenti delle lesioni meniscali ed i più colpiti sono i legamenti collaterali mediali, mentre è meno frequente la lesione ai crociati.

Gonartrosi o artrosi del ginocchio

L’artrosi del ginocchio, o gonartrosi, è la più comune malattia del ginocchio in età senile.
Come la coxartrosi è una malattia cronico-degenerativa che conduce ad un elevato grado di disabilità del paziente.

Può essere grossolanamente definita una sorta di “usura” dei capi articolari, nella quale lo strato di cartilagine che riveste i condili femorali ed i piatti tibiali  (la parte superiore dell’osso della gamba, nel punto in cui si allarga per formare l’articolazione del ginocchio) si assottiglia progressivamente fino ad esporre l’osso sottostante.
L’osso reagisce addensandosi e producendo gli osteofiti, escrescenze periferiche appuntite.
Anche la rotula può essere coinvolta da questo processo insieme alla troclea. Il processo artrosico a carico del ginocchio determina la formazione di un liquido che sfoga sul lato posteriore dell’articolazione, nell’incavo del ginocchio (poplite), formando la cosiddetta cisti poplitea di Baker.

Diversi tipi di gonartrosi

  • Gonartrosi primitiva: è una condizione di cui non è nota la causa determinante, pare che l’obesità (e quindi il maggior carico sull’articolazione) insieme a fattori predisponenti di tipo costituzionale, giochi un ruolo importante nella progressione della malattia.
  • Gonartrosi secondaria: in questo caso i fattori scatenanti sono postumi di fratture articolari del ginocchio o malallineamenti o i postumi di interventi. In rari casi questa patologia può derivare da cause sistemiche, come alcune malattie dismetaboliche.

Malallineamenti: ginocchio varo e valgo

  • Ginocchio varo: il ginocchio si definisce varo quando il femore e la tibia non sono perfettamente allineati, ma formano un angolo ottuso aperto medialmente che determina un aspetto degli arti inferiori ad arco per un sovraccarico del compartimento interno o mediale del ginocchio
  • Ginocchio valgo: il ginocchio si definisce valgo quando il femore e tibia non sono perfettamente allineati, formando un angolo ottuso aperto lateralmente. Questa condizione è descritta nel linguaggio comune come “ginocchia a X” ed è dovuto ad un eccessivo sovraccarico del compartimento laterale

Osteonecrosi del ginocchio

Con il termine di osteonecrosi si intende la morte del tessuto osseo. E’ una patologia molto simile all’infarto, situazione in cui si verifica un blocco dell’afflusso di sangue e ossigeno ai tessuti a valle dell’ostruzione. Il risultato è la morte cellulare. Le sedi più frequenti sono il ginocchio, l’anca e la caviglia. 

L’osteonecrosi può essere distinta in primaria, le cui cause non sono conosciute e secondaria, le cui cause sono note.

Forma primaria

Non vi sono cause ma si possono identificare dei fattori predisponenti come:

  • l’abuso di alcol, a causa del deposito dei grassi nei vasi sanguigni;
  • il sovrappeso;
  • il diabete;
  • l’anemia falciforme, per la particolare forma dei globuli rossi, che può causare una ostruzione dei piccoli vasi sanguigni;
  • livelli elevati di colesterolo e trigliceridi;
  • livelli elevati di acido urico nel sangue.

Forma secondaria

Nelle forme secondarie c’è una condizione preesistente che ne causa l’insorgenza, le cause più frequenti sono:

  • Una lesione del ginocchio, come ad esempio una frattura o anche una distorsione;
  • La terapia cortisonica prolungata;
  • La radioterapia;
  • L’embolia gassosa;
  • Un intervento chirurgico: esistono delle rare forme secondarie ad un intervento di artroscopia.

Rottura o lesione del menisco

Una distorsione, una brutta caduta o un incidente, sono tutti traumi che possono determinare una rottura o una lesione del menisco. L’origine della lesione meniscale, è infatti in gran parte traumatica, ma può anche essere causata da una patologia, la meniscopatia degenerativa.

I menischi sono fibrocartilagini a forma di semianello che si trovano tra i condili femorali ed i piatti tibiali.
Per ogni ginocchio ce ne sono due:

  • menisco mediale o interno
  • menisco laterale o esterno

Ciascun menisco ha un corno anteriore, un corpo ed un corpo posteriore.

In generale, sia che la frattura abbia origini traumatiche sia in caso di patologie degenerative, il menisco più spesso interessato dalla lesione è quello mediale: questo succede perché è quello più vincolato e quindi meno capace di adattarsi a sollecitazioni improvvise, inoltre perché è quello sottoposto a maggior carico.

Solitamente i menischi si fratturano in seguito a distorsioni, che si verificano in maggioranza in questo modo: a ginocchio semiflesso, il femore ruota in modo violento sulla tibia, che è vincolata a terra e quindi non può muoversi.

Leggi anche

La chemioterapia antitumorale: farmaci, benefici ed effetti collaterali
L’introduzione della chemioterapia nella terapia dei tumori ha modificato completamente la prognosi delle neoplasie maligne in fase avanzata. Fino a molti anni fa, infatti, tutte le neoplasie non localizzate e che non potevano essere irradiate o rimosse mediante chirurgia avevano una prognosi fatale entro breve periodo dalla diagnosi. L’arrivo della chemioterapia ha reso alcune neoplasie […]
Leggi tutto e guarda il video
I prodotti biologici per preservare l’ambiente e il nostro benessere
Il regolamento CE n. 834/2007 stabilisce le norme sulla produzione biologica valide per tutta l’Unione Europea, definisce l’agricoltura biologica come:“Un sistema globale di gestione dell’azienda agricola e di produzione agroalimentare basato sull’interazione tra le migliori pratiche ambientali, un alto livello di biodiversità, la salvaguardia delle risorse naturali, l’applicazione di criteri rigorosi in materia di benessere degli […]
Leggi tutto e guarda il video
L’anemia nel paziente oncologico, come riconoscerla e come trattarla
1 Cos’è l’anemia2 Quali sono le cause dell’anemia?3 L’anemia nelle patologie tumorali4 Quali sono i sintomi dell’anemia?5 Come curare l’anemia Cos’è l’anemia L’anemia è una condizione caratterizzata dalla riduzione patologica dei livelli di emoglobina (Hb) al di sotto dei livelli di normalità (Hb < 13 g/L nel maschio e 12 g/L nella femmina) , che determina […]
Leggi tutto e guarda il video

Rimani aggiornato


    Ho letto e accetto la Privacy Policy.