Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Il Lentisco: indicazioni e proprietà curative

Riproduci video

Nome scientifico e distribuzione geografica

Il Lentisco, Pistacia lentiscus, o Lentischio è un arbusto sempreverde che appartiene alla comune famiglia delle Anacardiaceae.

Il lentisco è una pianta cespugliosa e aromatica, composta da foglie piccole di colore verde intenso, la sua altezza massima è di 3 o 4 metri e i suoi frutti di colore rosso intenso sono di forma sferica e molto piccoli.

La pianta del lentisco è diffusa in tutto il bacino del mediterraneo. Le zone predilette da questa pianta sono soprattutto quelle collinari e di pianura, nella nostra penisola è diffuso soprattutto in Liguria, nelle fasce costiere del Paese e sulle isole, come la Sardegna dove sorge in modo spontaneo.

Indicazioni e proprietà

Il lentisco è una pianta comune nella tradizione popolare e si presta a molti utilizzi

L’olio di lentisco

L’olio estratto dalla pianta dalla spremitura a freddo dei frutti è stato utilizzato molto in passato al posto dell’olio di oliva per l’uso alimentare perchè presenta caratteristiche simili ed era molto più economico. Ha inoltre ottime proprietà emollienti e lenitive se usato sulla pelle, infine è da ricordare il suo potere antisettico, se usato per disinfettare le ferite cutanee.

L’olio essenziale

Si ricava attraverso un processo di distillazione, l’olio essenziale di lentisco ha proprietà balsamiche e tonificanti, ottimo anche come antireumatico da aggiungere ad un bagno rilassante.

Infine grazie alle sue proprietà antisettiche e antinfiammatorie può essere usato per sciacqui e gargarismi contro afte e stomatiti e per lavaggi genitali a scopo disinfettante contro cistiti e infiammazioni uro-genitali.

Resina o mastice di lentisco

La droga del lentisco è rappresentata dalla resina, chiamata mastice di Chios, raccolta in primavera grazie a incisioni sulla corteccia.
Il nome comune della resina è dovuto al fatto che il lentisco è coltivato principalmente sull’isola greca di Chios, autorizzata a raccogliere ed esportare in tutto il mondo la resina.

Le proprietà benefiche e curative del mastice chi Chios sono note fin dai tempi antichi e sono dovute a diversi componenti presenti nella resina. La resina che fuoriesce dal tronco del lentisco contiene infatti un olio essenziale oltre a tannini, acidi organici, alcoli triterpenici e una sostanza amara chiamata masticina. 
Tali sostanze conferiscono al mastice di Chios:

  • proprietà emolliente;
  • proprietà espettorante;
  • proprietà antinfiammatoria;
  • proprietà antibatterica e antimicotica;
  • proprietà cicatrizzante.

Il mastice di Chios, usato da solo o in combinazione con malva e altea, è utilizzato per calmare la tosse e soprattutto nel trattamento dei disturbi dell’apparato gastrointestinale tra cui bruciori di stomaco, infezioni da Helicobacter pylori, reflusso gastro-esofageo e ulcera gastrica.

Grazie all’azione antisettica, la resina di lentisco è utile anche in caso di infiammazioni del cavo orale, per profumare l’alito e per prevenire la formazione di placca dentale. 

Il mastice di Chios è usato inoltre in profumeria e in ambito cosmetico per sbiancare i denti e per il trattamento della pelle impura e acneica.

Modalità di assunzione

È disponibile in varie formulazioni: oltre alla resina in cristalli, esiste anche l’integratore in compresse, ne basta una capsula da 350 mg 3 volte al giorno al di fuori dei pasti per 2 settimane.

Numerose relazioni basate sia su studi di laboratorio che su esperimenti clinici certificano che anche a bassi dosaggi, si parla di un solo grammo al giorno per cicli di 2 settimane, il mastice di Chios è in grado di limitare i bruciori, l’acidità e i sintomi della gastrite.

Leggi anche:

La Withania Somnifera

La Rhodiola Rosea

Leggi anche

La chemioterapia antitumorale: farmaci, benefici ed effetti collaterali
L’introduzione della chemioterapia nella terapia dei tumori ha modificato completamente la prognosi delle neoplasie maligne in fase avanzata. Fino a molti anni fa, infatti, tutte le neoplasie non localizzate e che non potevano essere irradiate o rimosse mediante chirurgia avevano una prognosi fatale entro breve periodo dalla diagnosi. L’arrivo della chemioterapia ha reso alcune neoplasie […]
Leggi tutto e guarda il video
I prodotti biologici per preservare l’ambiente e il nostro benessere
Il regolamento CE n. 834/2007 stabilisce le norme sulla produzione biologica valide per tutta l’Unione Europea, definisce l’agricoltura biologica come:“Un sistema globale di gestione dell’azienda agricola e di produzione agroalimentare basato sull’interazione tra le migliori pratiche ambientali, un alto livello di biodiversità, la salvaguardia delle risorse naturali, l’applicazione di criteri rigorosi in materia di benessere degli […]
Leggi tutto e guarda il video
L’anemia nel paziente oncologico, come riconoscerla e come trattarla
1 Cos’è l’anemia2 Quali sono le cause dell’anemia?3 L’anemia nelle patologie tumorali4 Quali sono i sintomi dell’anemia?5 Come curare l’anemia Cos’è l’anemia L’anemia è una condizione caratterizzata dalla riduzione patologica dei livelli di emoglobina (Hb) al di sotto dei livelli di normalità (Hb < 13 g/L nel maschio e 12 g/L nella femmina) , che determina […]
Leggi tutto e guarda il video

Rimani aggiornato


    Ho letto e accetto la Privacy Policy.