Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Consigli per la prevenzione dell’obesità infantile

Riproduci video

La dieta di un bambino deve contenere circa il 15 per cento di proteine, il 30 per cento di grassi e il 55 per cento di carboidrati, e deve essere il più varia possibile, anche se i più piccoli tendono a una certa ripetitività.

Oltre a favorire l’aumento di peso (“L’obesità infantile”), una dieta poco varia può provocare carenze nutrizionali.

Carboidrati:

Sono la più importante fonte di energia che consente ai bambini di giocare e studiare.

Sempre meglio preferire quelli complessi come riso, pane e pasta, meglio se integrali perché tendono a innalzare meno il livello di glicemia e di insulina nel sangue. Ottimi i cereali in chicco decorticati come miglio, orzo e farro che sono anche un’ottima fonte di fibre.

Limitare invece i carboidrati derivanti da cibi raffinati e gli zuccheri semplici; i bambini che ne fanno largo uso non solo ingrassano ma sono anche più irrequieti e distratti sia a scuola sia a casa, oltre a dormire meno e peggio.

Evitare tutte le bevande gassate e zuccherate che apportano calorie vuote e predispongono a sovrappeso e obesità, è bene prestare attenzione anche ai succhi di frutta che nella maggior parte dei casi sono ricchi di zuccheri aggiunti e contengono poca frutta, preferire sempre spremute, frutta frullata e centrifugati al naturale.

Proteine:

La carne non dovrebbe essere consumata più di 2-3 volte la settimana,  sempre meglio la carne bianca.

I salumi e le carni conservate andrebbero evitati.

Altre importanti fonti importanti di proteine sono il pesce, specialmente il pesce azzurro, ricco di acidi grassi insaturi e i legumi, che contengono proteine di origine vegetale che sarebbe bene consumare insieme ai cereali, allo scopo di ottenere proteine ad alto valore biologico.

Grassi

I grassi sono sostanze necessarie all’organismo per la costruzione delle membrane cellulari e non solo: per questo non vanno mai evitati completamente.

Un bambino sano non dovrebbe però superare il 30 per cento delle calorie giornaliere totali sotto forma di grassi. Tra questi i migliori sono quelli insaturi presenti nell’olio extravergine di oliva, nel pesce, nella frutta secca e nei semi oleaginosi. Una piccola percentuale può essere anche rappresentata dai grassi saturi, prevalentemente animali, introdotti con i latticini e carne.

Acqua

Il corpo di un bambino, ancor più di quello di un adulto, è costituito soprattutto da acqua. L’acqua è il mezzo nel quale si svolgono tutte le reazioni chimiche dell’organismo, è il solvente delle sostanze che circolano nelle nostre cellule e veicola verso l’esterno le sostanze di scarto. È quindi essenziale che i bambini imparino a bere a sufficienza, prevalentemente acqua.

Responsabilità e intervento dei genitori, consigli utili:

  • Introdurre tutte le verdure fin dalla tenera età, incrementare il consumo di frutta, verdura e legumi
  • Consumare i pasti in famiglia e non preparare mai pasti differenziati per i diversi membri della famiglia
  • Consumare sempre la prima colazione
  • Condividere le scelte alimentari con i figli
  • Evitare di proibire alcuni cibi: generalmente si ottiene l’effetto opposto, i bambini tendono a desiderare sempre di più il cibo proibito
  • Evitare bevande zuccherate e succhi di frutta al posta della frutta: non hanno valore nutritivo e apportano solamente zuccheri semplici
  • Spegnere la TV durante i pasti: la televisione incapaci di controllare la modalità e la rapidità di assunzione del cibo. Diversi studi hanno dimostrato, infatti, che i bambini distratti dalla TV tendono a mangiare di più di quelli che sono impegnati in una conversazione con i genitori e che, mediamente, sviluppano con maggior frequenza obesità.
  • Limitare l’uso di computer e videogame
  • Favorire il corretto numero di ore di riposo notturno
  • Favorire l’esercizio fisico: incrementare l’abitudine a camminare per raggiungere casa, scuola ecc.. invece di utilizzare l’auto e permettere la pratica di attività sportive piacevoli e gradite ai figli

Per approfondire

No results found.

Leggi anche

Il Norbo di Notta, cosa è e come si deve intervenire
La tenosinovite stenosante dei tendini flessori comunemente nota come dito a scatto, o “morbodi Notta”, dal nome di colui che per primo, descrisse tale patologia nel 1850, è caratterizzata da unrestringimento delle pulegge dei tendini flessori della mano. COME SI MANIFESTA IL MORBO DI NOTTA?Le pulegge sono tunnel fibrosi entro cui scorrono i tendini, facilitati […]
Leggi tutto e guarda il video
Adolescenti, ritiro sociale e autolesionismo: l’importanza di capire i primi segnali
Gli adolescenti di oggi stanno vivendo un periodo profondamente difficile, un quadro che vede l’Italia fra i primi posti nel mondo, un quadro complicato da misurare dal lato epidemiologico perché non è una malattia codificata da alcun sistema nosografico e perché spesso non arriva alla sanità. Adolescenti e ritiro sociale Un quadro in mutamento: dalla […]
Leggi tutto e guarda il video
Disagio giovanile, ansia e depressione: i numeri del post Covid in Italia
Il disagio giovanile è considerata una delle più gravi conseguenze della epidemia da Covid-19. Le modalità di trasmissione del virus hanno imposto l’adozione di stringenti e prolungate misure di contenimento. Ciò ha sospeso o drasticamente ridotto i momenti di condivisione e incontro, gli spazi di partecipazione, di lavoro e di socialità. In questo inedito scenario […]
Leggi tutto e guarda il video

Rimani aggiornato


    Ho letto e accetto la Privacy Policy.