Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Che cos’è e come funziona l’estetica oncologica?

Riproduci video

L’estetica oncologica si occupa di migliorare sotto diversi aspetti la qualità della vita dei pazienti affetti da cancro, è infatti emerso che, nei pazienti che si sottopongono a trattamenti estetici adeguati e personalizzati, lo stress emotivo della malattia e delle terapie diminuisce notevolmente.

Prima le cure salvavita, ma non si devono sottovalutare le “cure per l’anima”, infatti le une non escludono le altre.

L’estetica oncologica si occupa di tutelare lo stato di salute psicologico delle pazienti attraverso una maggiore attenzione al loro aspetto estetico, questo può rivelarsi un valido supporto per migliorare i tassi di successo delle cure oncologiche, favorendo una massima e migliore adesione alle terapie.

Lo studio clinico

“A pilot study on aesthetic treatments performed by qualified aesthetic practitioners: efficacy on health-related quality of life in breast cancer patients” è uno studio pubblicato nel 2019 nella rivista scientifica “Quality of Life Research“. 

Ha coinvolto 170 donne sottoposte a terapia contro il cancro al seno:

  • 100 donne sono state sottoposte a trattamenti estetici specializzati presso il centro benessere dell’Istituto Europeo di Oncologia (IEO)
  • 70 donne non hanno ricevuto alcun trattamento estetico

Risultati

I risultati hanno dimostrato l’efficacia del trattamento estetico nel ridurre il disagio e nel migliorare la qualità della vita nel gruppo sperimentale.

 L’obiettivo dello studio era quello di valutare quanto i trattamenti estetici con prodotti specifici potessero rivelarsi utili nel migliorare la qualità della vita durante e dopo i trattamenti di radioterapia o chemioterapia.

La percezione dei sintomi cutanei percepiti come secchezza, prurito e bruciore e degli stati d’animo negativi è stata rilevata in tre diversi momenti:

  • all’inizio dello studio
  • dopo una settimana di trattamento
  • dopo quattro settimane di trattamento

Dopo un mese di trattamento è stata evidenziata una diminuzione sia dei sintomi cutanei che degli stati d’animo negativi nel gruppo di donne seguito dalle estetiste oncologiche.
Nelle donne che non hanno beneficiato dei trattamenti purtroppo si è notato un peggioramento relativo ad entrambi gli indicatori.

Considerazioni

Le donne che ricevono una terapia contro il cancro possono sperimentare effetti collaterali legati alla pelle che diventa più secca e sottile, ciò può provocare sensazione di bruciore o prurito che influiscono negativamente non solo sull’aderenza alla terapia, ma anche sulla qualità della vita della paziente. Per questi motivi, la prevenzione e la gestione delle reazioni cutanee stanno diventando sempre più importanti per promuovere la compliance al trattamento, il comfort e il benessere del paziente (“L’importanza dell’estetica oncologica“).

Per approfondire

No results found.

Leggi anche

Il Norbo di Notta, cosa è e come si deve intervenire
La tenosinovite stenosante dei tendini flessori comunemente nota come dito a scatto, o “morbodi Notta”, dal nome di colui che per primo, descrisse tale patologia nel 1850, è caratterizzata da unrestringimento delle pulegge dei tendini flessori della mano. COME SI MANIFESTA IL MORBO DI NOTTA?Le pulegge sono tunnel fibrosi entro cui scorrono i tendini, facilitati […]
Leggi tutto e guarda il video
Adolescenti, ritiro sociale e autolesionismo: l’importanza di capire i primi segnali
Gli adolescenti di oggi stanno vivendo un periodo profondamente difficile, un quadro che vede l’Italia fra i primi posti nel mondo, un quadro complicato da misurare dal lato epidemiologico perché non è una malattia codificata da alcun sistema nosografico e perché spesso non arriva alla sanità. Adolescenti e ritiro sociale Un quadro in mutamento: dalla […]
Leggi tutto e guarda il video
Disagio giovanile, ansia e depressione: i numeri del post Covid in Italia
Il disagio giovanile è considerata una delle più gravi conseguenze della epidemia da Covid-19. Le modalità di trasmissione del virus hanno imposto l’adozione di stringenti e prolungate misure di contenimento. Ciò ha sospeso o drasticamente ridotto i momenti di condivisione e incontro, gli spazi di partecipazione, di lavoro e di socialità. In questo inedito scenario […]
Leggi tutto e guarda il video

Rimani aggiornato


    Ho letto e accetto la Privacy Policy.